sabato, 25 settembre 2021

Bando per imprenditoria giovanile

La Regione del Veneto ha approvato con DGR 1158 del 17 agosto 2021 il “Bando per contributi a micro, piccole e medie imprese a prevalente partecipazione giovanile”. Questo sostiene imprese giovanili che dal periodo tra il 1 settembre 2021 e il 31 gennaio 2023 hanno effettuato o
effettueranno investimenti per la propria unità produttiva situata in Veneto.

CHI PUO’ PARTECIPARE

Le micro, piccole e medie imprese che hanno una partecipazione prevalentemente giovanile, ossia: – impresa individuale il cui titolare ha tra 18 e 35 anni. oppure (per le società di capitali i requisiti devono valere contemporaneamente)
– società (anche di tipo cooperativo) i cui soci e organi di amministrazione sono costituiti per il 60% da under 35.
– società il cui capitale sociale sia detenuto per almeno i due terzi da under 35.
Possono partecipare al bando tutte le imprese a prevalente partecipazione giovanili con le caratteristiche indicate e iscritte al Registro delle Imprese in una data precedente al 20 settembre 2021.
Quindi, a questo bando possono partecipare:
– imprese di recente costituzione per progetti di avvio, insediamento e sviluppo di una nuova iniziativa imprenditoriale.
– imprese già costituite (anche) da anni interessate a realizzare progetti di rinnovo e ampliamento dell’attività esistente.

SPESE AMMISSIBILI

Le spese ammissibili, sulle quali va calcolato il contributo, sono dei seguenti tipi:

  1. macchinari, impianti produttivi, hardware, attrezzature nuovi di fabbrica;
  2. arredi nuovi di fabbrica esclusivamente di questa natura: sedie, panche, divani, poltrone, sgabelli, tavoli, scrivanie, cassettiere, armadi, scaffali, vetrinette espositive e banconi con eventuale pedana (massimo € 15.000);
  3. negozi mobili (solo per le imprese che svolgono l’attività di commercio su aree pubbliche);
  4. autocarri, a esclusivo uso aziendale, solo nel caso in cui gli stessi siano strettamente necessari all’attività svolta, immatricolati come autocarro (massimo 10.000 €);
  5. oneri notarili connessi alla costituzione della società sostenute a partire dal 1 gennaio 2021
    (massimo di € 850,00);
  6. opere edili/murarie (manutenzione ordinaria e straordinaria e ristrutturazione “leggera”) e di impiantistica soggetti a rilascio di certificato di conformità (impianti elettrici, idrico-sanitari, di
    riscaldamento, di climatizzazione, antintrusione e di videosorveglianza, con esclusione dell’impianto fotovoltaico) (massimo 10.000 €); sostenute in data successiva alla disponibilità
    dell’immobile in cui l’intervento si realizza [la data certa deve essere attestata da atti e/o contratti (di proprietà, locazione, comodato…) registrati e, nei casi previsti dalla legge, trascritti];
  7. software – anche in cloud – che automatizzano il processo di raccolta di informazioni dei clienti e la comunicazione con gli stessi (ivi compresi i sistemi c.d. big data), sistemi di gestione newsletter o i sistemi VoIP; realizzazione di sistemi di e-commerce e spese fotografiche etc. per la presentazione dei prodotti (sono escluse le spese per servizi di manutenzione, aggiornamento o di assistenza del software o di siti preesistenti) (massimo di 10.000 €);
  8. Spese generali: brevetti, licenze, know-how o conoscenze tecniche non brevettate, banche dati, ricerche di mercato, biblioteche tecniche, campagne promozionali anche sui social network massimo 3.500 €
    Le spese ammissibili, sulle quali è calcolato il contributo, devono essere effettuate e interamente pagate dai beneficiari tra il 1° settembre e il 31 gennaio 2023.

SPESE NON AMMISSIBILI

Non sono ammissibili, cioè non sono considerate per il calcolo del contributo regionale le spese per:
● acquisto di telefoni cellulari, smartphone, tablet, laptop e altre mobile devices;
● servizi di manutenzione, aggiornamento o di assistenza del software;
● beni e servizi forniti da soci, amministratori, dipendenti dell’impresa proponente o loro prossimi congiunti, o da società nella cui compagine e/o nel cui organo amministrativo siano presenti soci, amministratori, dipendenti dell’impresa proponente o loro prossimi congiunti;
● accessori e complementi d’arredo;
● pubblicità (insegne, vetrofanie, stampe con logo, croce della farmacia…);
● acquisto di fabbricati e terreni;
● consulenze di qualsiasi tipo;
● acquisto di beni usati;
● beni destinati al noleggio (per imprese che svolgono attività della Sezione N “Noleggio, agenzie di viaggio, servizi di supporto alle imprese, Divisione 77 “Attività di noleggio e leasing operativo” della codifica Istat ATECO 2007, non sono finanziabili i beni oggetto dell’attività di noleggio);
● acquisto di singoli beni di importo inferiore a 150 € (iva esclusa).

INTENSITA’ DEL CONTRIBUTO

Il contributo a fondo perduto è del 30% sugli investimenti ammissibili: va da un contributo di 7.500 € su investimenti di 25.000 € e arriva a un contributo di 51.000 € su investimenti di 170.000 €.
Sono ammissibili soltanto progetti che prevedano una spesa di almeno 25.000 €.

PRESENTAZIONE E VALUTAZIONE DELLE DOMANDE

– Presentazione entro il 30 settembre 2021 progetto e allegati devono essere caricati sul portale della Regione;
– Pubblicazione graduatorie: entro gennaio 2022
– Saldo delle spese imputate a progetto entro il 31 gennaio 2023
– Invio rendiconto: entro le ore 17 del 9 febbraio 2023
– Rimborso: entro 90 giorni dal caricamento della documentazione di rendicontazione,
– pagamento del contributo sul conto corrente dell’impresa.


Per non perdere il contributo concesso, la spesa rendicontata dovrà essere almeno pari al 60% dell’importo ammesso riportato nella graduatoria e, in ogni caso, non inferiore a euro 25.000 €. Sono ammesse motivate compensazioni tra le tipologie di spesa fino ad un massimo del 10% del costo totale dell’investimento ammesso a contributo;

INFORMAZIONI E SUPPORTO

Per maggiori informazioni e per verificare la possibilità di finanziamento del suo progetto contattare:
FABRICA ALTA FORMAZIONE al 0445 527203, o scrivere una mail a – fabbricaalta@fabbricaalta.it