sabato, 25 settembre 2021

I linguaggi del fumetto – due percorsi di narrazione visiva al Faber Box

Informagiovani di Schio e Quivirgola propongono due incontri gratuiti per approfondire i linguaggi del fumetto.

In un mondo nel quale la narrazione visiva è preponderante, il fumetto si sta sempre più affermando come uno dei principali linguaggi della contemporaneità. A fronte di un rinnovato interesse da parte dei lettori e dei media, tuttavia, la conoscenza diffusa del fumetto rimane spesso superficiale oppure raramente messa in dialogo con altri linguaggi. L’intento di questi due incontri è di proporre dei percorsi di lettura transmediali che permettano di esplorare estetica e poetiche di alcuni dei principali autori del panorama contemporaneo, riflettendo al contempo sugli elementi grammaticali che rendono il fumetto diverso da ogni altro linguaggio.

Ad accompagnarci e condurre questi incontri sarà Matteo Gaspari.

ℹ️ La partecipazione agli incontri è gratuita e rivolta ai giovani, si può partecipare anche ad un singolo incontro.
📍Faber box, via Tito Livio 23, Schio
🟢 Per accedere sarà richiesto il Green Pass

.

.

PRIMO INCONTRO: tratteggiare l’incomprensibile

📅 Giovedì 23 settembre dalle 18 alle 21
📍 Learning Box 1, terzo piano Faber Box (entrata lato bar)

Una delle tendenze preponderanti dell’editoria a fumetti è il proliferare di adattamenti da romanzi e classici della letteratura. Spesso di scarsa qualità, queste operazioni non fanno quasi mai del bene né al fumetto né al romanzo, ma esistono delle notevoli eccezioni. Tra queste, di particolare interesse è la traduzione per immagini dei racconti di Howard Phillips Lovecraft, autore di cardinale importanza per il suo impatto nell’immaginario collettivo e per una poetica fortemente anticipatrice. A partire dai celebri racconti Il colore venuto dallo spazio e Il richiamo di Cthulhu, rifletteremo sulla filosofia dell’autore, sui suoi epigoni e sui modi in cui il suo orrore cosmico è stato trasposto per immagini, in particolar modo attraverso gli adattamenti di Alberto Breccia e Gou Tanabe.
Come si rappresenta ciò che non è rappresentabile?

SECONDO INCONTRO: oltre la fine del mondo

📅 Giovedì 07 ottobre dalle 18 alle 21
📍 Learning Box 1, terzo piano Faber Box (entrata lato bar)

Che siano un ritorno alla natura, il girovagare disperato in deserti senza fine, l’ascesa di regimi totalitari, treni che corrono in mondi ghiacciati o più semplicemente mostrino quant’è difficile far fronte a un cambiamento totale e violento, le narrazioni sul collasso della civiltà, la fine del mondo e su quello che ci aspetta dopo non mancano. In questo secondo incontro esploreremo alcune strade di questo genere narrativo sconfinato, oscillando tra la distopia e il post-apocalittico, per riflettere assieme su come diversi autori hanno messo in scena storie di sopravvivenza e adattamento in futuri disperati, vicini o lontani. Da McCarthy a Gipi, da Mad Max a Manuele Fior… la fine non è mai stata così vicina.

Informazioni
0445 691249 (Informagiovani)
informagiovani@comune.schio.vi.it

327 8777799 (Quivirgola)

Biografia del relatore
Matteo Gaspari è nato a Schio nel 1990 ed è laureato in Astrofisica e Cosmologia all’Università di Bologna.
Lavora come esperto di fumetto e nuovi media per l’associazione Hamelin, con la quale collabora alla curatela del festival internazionale di fumetto BilBOlbul e a progetti di ricerca, critica e promozione del fumetto e del videogioco. Ha curato e organizzato corsi di formazione e aggiornamento sul fumetto e sui nuovi media in tutta Italia. Ha partecipato come esperto in festival letterari quali La Grande Invasione di Ivrea e il Piccolo Festival di Fumetto di Cremona, e come giurato per l’assegnazione dei premi Carlo Boscarato di Treviso Comic Book Festival e delle Classifiche di Qualità de L’Indiscreto.
Ha tradotto e letterato, tra gli altri, Un mondo nuovo di Chris Reynolds per Tunué e La bugia e come l’abbiamo raccontata di Tommi Parrish per Diabolo Edizioni. Ha fondato la rivista online di critica fumettistica Banana Oil e cura la rubrica dedicata al fumetto della rivista Blow Up. Ha scritto e scrive, tra gli altri, per Gli Asini, Il Tascabile, Tropico del Cancro, L’indiscreto, Singola e per le pubblicazioni di critica e pedagogia dell’associazione Hamelin.
Vive a Bologna.

I linguaggi del fumetto: due percorsi di lettura al Faber Box è un’iniziativa pubblica durante la quale saranno realizzate foto e riprese video.
L’evento si svolgerà nel rispetto delle disposizioni ministeriali e regionali previste per l’emergenza sanitaria

creatività ed eventi