sabato, 10 aprile 2021

Certificazioni linguistiche

L’Unione Europea ha uno strumento specifico per descrivere le competenze linguistiche: il Quadro Comune Europeo di Riferimento per la conoscenza delle lingue (QCER).

Esso può essere utilizzato sia per l’autovalutazione, sia per la scelta una certificazione linguistica da conseguire.

Il Quadro Comune Europeo di Riferimento per la conoscenza delle lingue prevede la descrizione di tre specifiche competenze: comprensione (che a sua volta si suddivide in ascolto e lettura), parlato (che comprende interazione e produzione orale) e scritto. Ogni competenza può essere posseduta in sei livelli, che vanno da quello base a quello di padronanza: A: Livello base (A1: Livello base – A2: Livello elementare); B: Livello autonomo (B1: Livello pre-intermedio – B2: Livello intermedio); C: Livello padronanza (C1: Livello post-intermedio o di efficienza autonoma – C2: Livello avanzato o di padronanza della lingua in situazioni complesse).

INGLESE

Uno degli enti certificatori più noti è il Cambridge English Language Assessment. Esso prevede diversi tipi di certificazioni, a seconda sia del livello, sia degli utenti (si va dagli esami per bambini a quelli che certificano la padronanza dell’inglese in ambito lavorativo). Ci sono tre macro-tipologie: Cambridge English Qualifications, IELTS e BULATS.

Elenchiamo di seguito le certificazioni che possono essere conseguite per motivi di studio e/o di lavoro.

Cambridge English Qualifications

  • KET Key English Test (certificazione di livello A2)
  • PET Preliminary English Test (certificazione di livello B1)
  • FCE First  Certificate in English (certificazione di livello B2)
  • CAE Certificate of Advanced English (certificazione di livello C1)
  • CPE Certificate of Proficiency in English (certificazione di livello C2)
  • BEC Business English Certificate Preliminary (certificazione di livello B1 per lavorare in ambito commerciale)
  • BEC Business English Certificate Vantage (certificazione di livello B2 per lavorare in ambito commerciale)
  • BEC Business English Certificate Higher (certificazione di livello C1 per lavorare in ambito commerciale)

IELTS (International English Language Testing System)

  • IELTS Academic (per chi intende frequentare un’università o un master in un Paese anglofono o candidarsi a lavori che richiedono la laurea)
  • IELTS General Training (per gli studi non universitari, i lavori che non richiedono la laurea e trasferimenti in Australia, Canada e Regno Unito).

BULATS (Business Language Testing Service) (per lavoratori o studenti di corsi business).

Le certificazioni IELTS e BULATS non sono suddivise per livello, ma indicano il punteggio raggiunto dal candidato e il corrispondente livello secondo il Quadro Europeo di Riferimento.

Un altro ente che propone certificazioni di inglese è l’associazione statunitense ETS (Educational Testing Service). Il suo esame più noto è il TOEFL (Test of English as a Foreign Language), che è richiesto in particolare dalle università americane, mentre il TOEIC (Test of English for International Communication) è utilizzato soprattutto per l’ambito lavorativo. Queste certificazioni riportano il punteggio conseguito e hanno una validità di due anni.

Infine, un terzo noto ente certificatore per la lingua inglese è il Trinity College London. Esso propone due tipi di esami:

  • GESE (Graded Examinations in Spoken English): si tratta di un esame orale disponibile in 12 livelli, da iniziale ad avanzato. A seconda del livello che si intende sostenere, cambiano la durata e gli argomenti di conversazione.
  • ISE (Integrated Skills in English): valuta comprensione e produzione sia orali, sia scritte. L’esame è strutturato in cinque livelli, che corrispondono a quelli del Quadro Europeo di Riferimento (da A2 a C2).

Cambridge English Language Assessment: http://www.cambridgeenglish.org/

ETS – Educational Testing Service: https://www.ets.org/

IELTS – International English Language Testing System: https://www.ielts.org/

Trinity College London: https://www.trinitycollege.it/

 

FRANCESE

Gli enti certificatori riconosciuti sono il Centre International d’Études Pédagogiques di Sèvres (CIEP) e la Chambre de Commerce et d’Industrie di Parigi (CCIP).

Ci sono due tipi di strumenti per valutare la propria competenza linguistica francese: i certificati o diplomi, che si conseguono attraverso varie prove (scritte e orali) e non hanno scadenza, e i test, che invece identificano il livello del candidato tramite un punteggio che ha un limite di validità temporale.

I certificati sono:

  • DILF (Diplôme Initial de Langue Française), che è pensato per i principianti e riconosce un livello elementare.
  • DELF (Diplôme d’Etudes en Langue Française), che comprende quattro tipologie di esami, dal livello A1 al B2). Esistono esami DELF rivolti a particolari categorie di persone: bambini, studenti minorenni e lavoratori. In particolare, il DELF Scolaire B2 permette di accedere alle università francesi, mentre il DELF Pro è pensato per chi vuole inserirsi nel mercato del lavoro francofono.
  • DALF (Diplôme Approfondi en Langue Française), che è finalizzato all’uso della lingua in ambiente universitario o professionale ed è disponibile per i livelli C1 e C2.
  • DFP (Diplômes de français professionnel), che coprono tutti i livelli del Quadro Europeo di Riferimento e si distinguono in sette tipologie, a seconda del settore lavorativo: Affaires (funzioni aziendali di tipo relazionale, amministrativo e commerciale), Sciences et techniques, Droit, Santé, Relations Internationales, Tourisme – Hôtellerie – Restauration, Mode. Sono quindi pensati per lavoratori del settore o studenti che desiderano entrare in quell’ambito professionale.

I certificati DILF, DELF e DALF sono rilasciati dal Centre International d’Études Pédagogiques di Sèvres, mentre i DFP dalla Chambre de Commerce et d’Industrie di Parigi.

Essi vengono solitamente conseguiti dopo un percorso di studio. I test, invece, permettono di conoscere il proprio livello in qualsiasi momento della formazione e sono:

  • TCF (Test de Connaissance du Français), rilasciato dal CIEP
  • TEF (Test d’Evaluation de Français), rilasciato dalla CCIP.

Entrambi forniscono un profilo dettagliato sulla propria competenza linguistica, ma hanno una validità limitata a due anni.

Un ente italiano a cui si può fare riferimento per lo studio della lingua francese e le certificazioni è Alliance française, presente con sedi in diverse città (tra cui Vicenza).

Alliance française en Italie: http://www.alliancefr.it/

Alliance française de Vicenza: http://www.alliancefr.it/vicenza/

Istitut français Italia (Informazioni su certificazioni e corsi di francese): https://www.institutfrancais.it/

 

TEDESCO

L’ente certificatore per la lingua tedesca è Goethe Institut, riconosciuto dal Ministero della Pubblica Istruzione italiano, che offre un esame specifico per ognuno dei sei livelli.

Per chi ha intenzione di studiare in un’università in Germania, un certificato più specifico è il TestDaf, rilasciato dall’Institut di Hagen. I livelli disponibili sono B2.1, B2.2 e C1.1, da scegliere considerando i requisiti di accesso all’università di proprio interesse.

Un altro noto ente certificatore per il tedesco è ÖSD (Österreichisches Sprachdiplom Deutsch), che prevede esami per ogni livello, riconosciuti in Germania, Austria e Svizzera. In particolare, gli esami dei livelli B2, C1 e C2 consentono l’accesso alle università in Austria. Il C2, inoltre, permette di attestare una conoscenza avanzata della lingua in ambito lavorativo.

Goethe Institut Italien: https://www.goethe.de/ins/it/it/index.html

Österreichisches Sprachdiplom Deutsch: http://www.osd.at/

TestDaf Institut: http://www.testdaf.de/

 

SPAGNOLO

In merito alla lingua spagnola, l’ente di riferimento è l’Instituto Cervantes. Come per le altre lingue, è possibile scegliere per quale dei sei livelli sostenere l’esame, chiamato DELE (Diplomas de Español como Lengua Extranjera).

Se invece hai bisogno di conseguire una certificazione per motivi di lavoro, puoi fare l’esame per un Attestato di Spagnolo Commerciale, rilasciato dalla Camera di Commercio di Spagna in Italia, in collaborazione con l’Universidad Complutense de Madrid. Ce ne sono due tipi: CEC (Certificato di Spagnolo Commerciale), che corrisponde ad un livello B1, e DEC (Diploma di Spagnolo Commerciale), che invece è un C1.

Camera di Commercio di Spagna in Italia: http://www.camacoes.it/

Instituto Cervantes: https://examenes.cervantes.es/es